Kin-narah                                   
Allevamento gatto sacro di birmania
                                  


Costo sacro di birmania

Allevare gatti sacri di birmania è sicuramente un hobby costoso. Lo scopo di un allevatore serio è quello di promuovere la razza, selezionando cuccioli sani, ben socializzati e che si avvicinano il più possibile allo standard del sacro di birmania. Per fare questo però, è necessario andare alle esposizioni, comprare nuovi riproduttori, partecipare a seminari veterinari, convegni sulla razza e molto altro. Perciò un allevatore di sacri di birmania coscenzioso vende i cuccioli non per guadagno ma come rimborso spese, e queste sono talmente elevate che il più delle volte non permettono nemmeno di coprire i costi sostenuti.

Chi si avvicina per la prima volta al mondo dei gatti di razza, può pensare che il prezzo sia troppo elevato. Proviamo però a fare un calcolo approssimativo delle spese affrontate dal mio allevamento .

Prima di tutto per l'ANFI, l'unica associazione felina nazionale autorizzata dallo stato alla gestione dei gatti di razza, i riproduttori devono aver ottenuto l'eccellenze per la riproduzione. Per fare questo è necessario andare in expo. Per partecipare un giorno solo ogni gatto spende dai 25€ ai 35€. Senza considerare le spese per la benzina, il mangiare, l'albergo se la mostra non è vicina a casa (e il più delle volte le expo sono lontane!!!) etc.. Perciò l'eccellenza per la riproduzione per i genitori dei miei cuccioli costa non meno di 250€. Cerco però di avere sacri di birmania di alto livello, e per fare questo i miei riproduttori sono almeno campioni nazionali, perciò deve partecipare almeno a 3 giornate espositive, prendendo sempre i punti.

Ogni sacro di birmania del mio allevamento viene vaccinato ogni anno con vaccino trivalente, leucemia e antirabbica. Inotre periodicamente ad ogni gatto vengono effettuati i test fiv-felv, pkd e hcm, ricerca del FCoV ed analisi del sangue complete per avere sicurezze sullo stato di salute . Quindi ogni anno spendo circa 500€ a gatto in spese veterinarie. I cuccioli vengono ceduti con doppio vaccino e microchip, quindi per ogni cucciolo spendo circa 150€ in vaccinazioni ed analisi.

Tutti i miei birmani mangiano cibo di ottima qualità, sia secco che umido. Spendo circa 4€ al giorno a gatto in mangime. 4€ x 3 mesi = 360€ circa per ogni cucciolo 4€ x 365 giorni = 1460€ all'anno a gatto

La lettiera per ogni gatto costa circa 30€ al mese. 30€ x 3 mesi = 90 € per ogni cucciolo 30€ x 12 mesi = 360€ di lettiera all'anno a gatto

Per avere il pedigree spendo 15€ di denuncia di nascita della cucciolata + 13€ per ogni pedigree.

Inoltre spendo circa 30€ al mese in detergenti, saponi e disinfettanti e altro materiale per pulire dove stanno i mei gatti. In un allevamento l'igiene è fondamentale.

Se come stallone uso uno dei miei gatti ho tutte le spese riguardanti il suo mantenimento, se invece prendo una monta esterna spendo dagli 800€ ai 1200€.

In questo calcolo poi non sono incluse le spese di telefono e internet sostenute per rimanere in contatto con chi ha preso un mio cucciolo, corsi e convegni veterinari per essere il più informati possibili e le spese per le emergenze, come una degenza od un cesareo. Non sono inoltre tenute in considerazione le ore spese a studiare per la razza, pulire, accudire i cuccioli, le spese per l'acquisto del materiale come spazzole, tiragraffi, cuccine, giochini, medicinali, ciotole, trasportini etc..
Perciò se fate un rapido calcolo vi renderete conto che il prezzo di un cucciolo di sacro di birmania, è ben inferiore a quanto speso dall'allevatore per la sua cura.